logocaleido
CA’ LEIDO: GUARDA IL MONDO CON OCCHI DIVERSI

logo_facebook logo_insta logo_youtube

Ca' Leido è:
- un CENTRO PER L'AUTISMO di Sonda Società Cooperativa Sociale Onlus;
- un luogo accogliente e famigliare in cui i ragazzi possono sentirsi a casa;
- un progetto psicoeducativo che permette di sviluppare abilità cognitive e sociali atte a migliorare la qualità della vita;
- una realtà che accoglie l’ intera famiglia ascoltandone esigenze e bisogni;
- un’ esperienza di vita che si concretizza attraverso weekend e serate sollievo tra ragazzi e operatori;
- un momento per favorire e sviluppare la relazione con l’ altro.

L’ equipe è composta da figure multidisciplinari tra cui:

- educatori
- psicologi
- Operatori Socio Sanitari (O.S.S.)
- volontari
- tirocinanti/stagisti

Ca' Leido si propone di:
- dare risposte ai bisogni espressi dai soggetti autistici e dalle loro famiglie;
- attivare un percorso educativo individualizzato al fine di incrementare le autonomie personali;
- attivare uno spazio diurno di sollievo fuori casa, dove bambini e ragazzi possano svolgere anche attività di gioco e sport;
- supportare ed accompagnare la famiglia nel difficile compito di gestione della condizione emotiva con un adeguato supporto di intervento psicologico, attraverso incontri formativi e gruppi di sostegno per genitori (progetto Ca’ Leido per la famiglia);
- organizzare esperienze di autonomia attraverso una serie di weekend o giornate infrasettimanali nel nuovo appartamento (Progetto "Prove di volo") e soggiorni in località di villeggiatura;
- lavorare per favorire un sereno distacco dalla famiglia e consolidare autonomie personali di vario genere (progetto "Prove di Volo");
- attivare lezioni di formazione e sensibilizzazione sul tema dell'autismo rivolta alla comunità con particolare attenzione al mondo della scuola (progetto ScuolAutismo).
Ammissione

Vengono ammessi soggetti di età compresa (di norma) tra i 4 e i 18 anni (in possesso dell’accertamento dell’ handicap ai sensi della legge 104/92 e successive modifiche) con diagnosi accertata di autismo effettuata dal Servizio di Neuropsichiatria di riferimento.

Vengono ammessi giovani adulti che abbiano compiuto 18 anni e terminato l’iter scolastico con diagnosi accertata di autismo effettuata dal Servizio Disabilità Età Adulta di riferimento.

Le attività di Ca' Leido
  • laboratorio cognitivo: per lo sviluppo e l’ incremento delle abilità relative alla socializzazione, alla comunicazione, alla cura della persona e alle abilità linguistiche e matematiche;
  • laboratorio cucina;
  • laboratorio falegnameria;
  • laboratorio di pittura e arte;
  • laboratorio di autonomia e gestione denaro;
  • educazione stradale;
  • accudimento animale ed educazione ambientale;
  • laboratorio attività motoria;
  • laboratorio orto/serra;
Le attività del centro adulti
  • attività in fattoria;
  • laboratorio cucina;
  • laboratorio falegnameria;
  • inserimento protetto in un contesto lavorativo del territorio;
  • laboratorio attività lavorativa;
  • accudimento animale;
  • laboratorio bomboniere;
  • laboratorio di vendita in negozio;
  • laboratorio autonomie e gestione del denaro;
Testimonianze

Ringrazio gli operatori e i responsabili della Comunità Ca’Leido per la splendida opportunità offerta. Alessandro è tornato a casa stanco ma felice. Ho letto nei suoi occhi come questa sia stata per lui una bellissima esperienza.

 

Ed Enrico è forse più sensibile che autistico, e non c’è bisogno di fargli presente quando non è accettato dalle persone, o quando lo è, giusto per farvelo sapere. Vede, capisce e sente tutto. Di sicuro non si può far finta che una difficoltà ci sia, ma sta a noi dargli la giusta importanza, e sta a noi decidere fino a quanto essa possa influire nella nostra vita. 

caterina-prianorid

“Ca’leido è stato un incontro quasi casuale divenuto, nel tempo, pilastro dell’esistenza di Leonardo e di tutta la nostra famiglia.
Abbiamo avuto una grande fortuna: non avrei creduto, un tempo, che con Ca’Leido si sarebbe arrivati dove ora siamo.
E invece adesso nessun sogno sembra più troppo ambizioso, soprattutto grazie al sostegno di persone speciali che sanno fare squadra e portare questa comunità verso mete che, come genitori, ci permettono di avere ben più di semplici speranze per il futuro dei nostri figli.”

 

img-20170126-wa0005